e-Accessibility, quali prospettive in Europa e in Italia

Pubblicato: Venerdì, 05 Maggio 2017 in Focus

Il 2 dicembre 2016, ossia un giorno prima della giornata internazionale dedicata alla disabilità, è stata pubblicata la Direttiva (UE) 2016/2102 del Parlamento europeo e del Consiglio, del 26 ottobre 2016, relativa all’accessibilità dei siti web e delle applicazioni mobili degli enti pubblici. Obiettivo della direttiva, migliorare l’accessibilità dei siti web e della applicazioni mobili armonizzando le varie disposizioni nazionali sul tema.

Dopo il voto favorevole da parte del Parlamento Europeo il 26 ottobre 2016, e l'entrata ufficiale in vigore, gli Stati membri in 21 mesi recepiranno il testo nella loro legislazioni nazionali.

In questa ottica, risulta sensato ipotizzare a una proposta di armonizzazione. Questo significa poter riprendere questi documenti e applicando lo spirito di base contenuto nelle nuove disposizioni a livello Europeo, procedere con una loro analisi e ristrutturazione, magari facendoli confluire in un unico documento strategico.

In particolare, l’Europa ha promosso la nascita di una norma EN 301549 “Accessibility requirements for public procurement of ICT products and services in Europe” che contiene una serie di riferimenti per garantire l’acquisto di prodotti (hardware, software, Web) accessibili.

All’interno della commissione eAccessibility di UNINFO è in corso l’iter per la traduzione in lingua italiana di tale norma.

Per approfondire l'argomento è disponibile l'articolo completo sul Numero di Maggio della rivista U&C.